News

RepIdee, La Repubblica a Genova

Il weekend appena passato ha ospitato la quarta edizione di RepIdee, l’evento de La Repubblica che porta con sé pensatori, dialoghi e mostre per trattare temi importanti un po’ per tutti.

L’edizione di quest’anno si chiama “Ripensare il mondo”. Il tema è esplicativo, e racchiude in sé un universo di altri temi: il mondo in divenire, i cambiamenti in atto, le prospettive future e le idee che vengono. Un evento che costituisce un momento di pubblicizzazione del giornale, ma anche un contatto tra la proposta editoriale e le esigenze dei cittadini.

Non è un caso che la città scelta quest’anno sia Genova. Come ha detto De Benedetti, il celebre imprenditore ed editore nel giorno d’apertura della manifestazione, Genova era la città perfetta per il tema di quest’anno. Cambiamento, riqualificazioni, forte intervento municipale tra luci e ombre di una realtà urbana complicata.

La palette di ospiti che hanno trattato e discusso sui più svariati temi inerenti il cambiamento, è stata di alto livello. Solo nella giornata conclusiva di domenica si annoverano Scalfari, fondatore di Repubblica, Gad Lerner, lo scrittore Luis Sepulveda, il cantante Ivano Fossati, Gustavo Zagrebelsky, il Nobel per la pace Tawakkul Karman.

Inoltre, si è distinto particolarmente il monologo dell’illustre teologo Vito Mancuso, la mattina di domenica alle 10 a Palazzo Ducale: il discorso intitolato “Padre Nostro che sei in terra” ha messo in discussione la tradizionale visione di Dio con una riflessione che travalica il credo religioso personale.

I giorni precedenti non sono stati da meno: da Rodotà sulle tecnoscienze, a Saviano sui rischi del giornalismo, ma anche il più grande architetto italiano, Renzo Piano, sul futuro e la sfida delle periferie, passando poi per Alessandro Baricco, con il tema dell’istruzione, dei suoi fallimenti, della necessità di ripensare il concetto dell’insegnamento e del gioco.

Inoltre, per l’occasione si segnala il contorno di mostre del Palazzo Ducale, oggetto di promozioni speciali durante i giorni dell’evento di RepIdee. Si va dalle strisce del fumettista Zerocalcare, che racconta in modo ironico i controsensi dell’ossessione per il decoro urbano, alla mostra fotografica del tedesco Sander, tra ritratti e paesaggi a cavallo tra la Germania e la Sardegna.

Ma soprattuto la splendida mostra sull’Espressionismo Tedesco, di cui Eventa vi racconterà nei prossimi giorni.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento!

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Da Kirchner a Nolde: l'espressionismo tedesco a Genova

Leave a comment

Your email address will not be published.


*