News

Andrew Bird torna in Italia

Erano parecchi anni che il genio di Andrew Bird non si avvicinava alle parterre italiane. Motivo in più per aspettare con ansia la sua unica data nel bel paese, stasera, martedì 30 giugno presso il cortile del Palazzo Estense di Ferrara, in occasione di Ferrara Sotto le Stelle.

Andrew Bird è un polistrumentista dall’immenso talento, che iniziò lo studio del violino ad appena 4 anni. Il suo estro è stato curato fin da piccolo con il metodo educativo Suzuki: nato in Giappone da omonimo ideatore, il metodo si basa sull’influenzare molto presto il bambino aiutandolo a costruire la sua sensibilità artistica (e non), tramite il contatto con la musica, il ritmo, le esperienze sensoriali, senza mai sacrificare l’individualità e la sua personale natura.

Nella sua fase di crescita è stato in grado di imparare i grandi classici semplicemente ad orecchio, per poi accostare al violino altri strumenti, quali la chitarra e il mandolino. La sua carriera discografica cominciò nel ’96 con Music of Hair, incentrato tutto sul violino.

Il suo stile si è evoluto enormemente album dopo album, sfondando i muri dei generi musicali e suonando un pop elegante mescolato al jazz, al folk, al country blues. Ha collaborato con grandi maestri del panorama internazionale, tra cui Jeff Tweedy, Prince, Rufus Wainwright e tanti altri di pari caratura.

Bird si può definire uno dei più interessanti talenti della musica moderna americana, e ha influenzato la cultura del suo paese passando dall’arte alla composizione di colonne sonore di successo. Insieme all’inventore Ian Scheller ha collaborato a un’esposizione al Guggenheim di New York; ha contribuito alla colonna sonora dei Muppets, e il suo splendido brano Far From Any Road (Be My Hand) è stato utilizzato come intro della pluripremiata serie TV True Detective.

Se Ferrara Sotto le Stelle si preannuncia appuntamento immancabile, sarà anche per merito della presenza di un artista completo come Andrew Bird.

Acquista ora il tuo biglietto!

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*