News

Tutto il meglio del Carnevale d’Italia

Certo siamo ben lontani dalla grandezza e dalla fastosità del Carnevale di Rio de Janeiro, festa sentitissima in Brasile, e specialmente nella seconda città del paese. Lì il Carnevale è un fenomeno di massa, un’espressione culturale basata sull’esagerazione che muove montagne di persone, carri, suoni, colori.

Eppure il Carnevale di Rio ha origini europee. Le sue radici risalgono agli anni ’30 dell’800, quando la borghesia volle emulare i festeggiamenti con le maschere tipici delle grandi città d’Europa, Parigi su tutte.

E il Carnevale italiano è tra tutti uno dei più radicati nella cultura e nel folklore. Risalente a quando l’Italia non era ancora un’entità unita e amalgamata, la sua tipicità è quella di una grande varietà dei festeggiamenti e dell’espressione carnevalesca sul territorio, che assume connotati unici e caratteristici in ciascuna regione.

Tra tutti spicca in assoluto il Carnevale di Venezia, tra i più famosi al mondo. Di origini antiche, mescola la tradizione alla proverbiale suggestione che da sempre offre la città sulla laguna, e che attira ogni anno enormi quantitativi di visitatori. Inizia con il Volo dell’Angelo, in cui la ragazza fortunata che viene scelta vola su piazza San Marco in ricercate vesti rituali preparate per l’occasione (quest’anno per mano dello stilista Stefano Nicolao), e lo spettacolo continua con il Corteo delle Marie, la Sfilata dei Carri, lo Svolo del Leon.

Un’altra tra le migliori espressioni carnevalesche della penisola è certamente quella di Viareggio. Ciò che la rende celebre sono i teatri viaggianti, carri allegorici realizzati dai maestri cartapestai locali, la cui costruzione richiede un anno di lavoro per oltre 25 produttori artigiani e un migliaio di persone. I teatri viaggianti seguono ogni anno un tema diverso e quest’anno si focalizzano su una visione ironica e positiva della crisi economica, la musica, la magia, Internet e le sue ambiguità.

Ma ogni zona d’Italia ha le sue perle nel periodo del Carnevale: un esempio ad hoc è la Basilicata, culla di bellezze storiche come la Matera (Capitale Europea della Cultura 2019) e naturalistiche, come i Calanchi Lucani, paesaggi desertici che hanno ispirato film letteratura come il Cristo si è Fermato a Eboli di Carlo Levi.

Qui il Carnevale ha radici che si afferrano alle tradizioni contadine e racconta in modi diversi storie legate alla magia, alla transumanza, al mondo animale e mostruoso nel suo rapporto con gli uomini e con la terra. Qui si ricordano il Carnevalone Tradizionale di Montescaglioso,quello delle maschere zoomorfe di Tricarico, le maschere animali colorate di Aliano.

E sono solo alcuni esempi delle innumerevoli e folkloristiche tradizioni carnevalesche sparse per l’Italia, di cui bisognerebbe menzionare anche quelle di Bosa in Sardegna, di Ivrea in Piemonte, di Milano, di Acireale.

Non resta che spostarsi lungo la penisola e gustarne il sapore a uno a uno.

Buon Carnevale da Eventa!

Ti è piaciuto l’articolo? Lascia un commento!

Leave a comment

Your email address will not be published.


*