News

Appetitosamente 2016. Intervista a Carmen Pisano della cooperativa Villa Silli

appetitosamente 2016

Anche quest’anno Siddi ospiterà dal 26 al 28 agosto l’XI edizione di Appetitosamente.

Il cibo parla le lingue dei popoli e racconta i territori in ogni loro aspetto

L’evento, organizzato dal Comune e dalla cooperativa Villa Silli e dalla Proloco di Siddi in collaborazione con la compagnia barracellare, la comunità siddese, vari altri collaboratori specializzati, numerosi volontari e associazioni, sarà una tre giorni dedicata a mostre, incontri, concerti, laboratori e le immancabili degustazioni. Il tema scelto per l’edizione 2016 è Cibo e viaggio che per sua natura indica convivialità  e scoperta non solo di luoghi ma anche di culture, profumi e di sapori.

In attesa di scoprire il programma nei dettagli abbiamo fatto quattro chiacchiere con Carmen Pisano, Consigliere e socio fondatore della cooperativa Villa Silli, responsabile visite guidate, attività e laboratori didattici naturalistico-ambientali al Parco Sa Fogaia e attività multimediali.

Appetitosamente è giunto ormai alla sua XI edizione. A suo tempo come è nata l’idea del festival?

Appetitosamente è nato nel 2006. La sua ideazione fu un progetto condiviso dall’Amministrazione Comunale, dalla Cooperativa Villa Silli e dalla condotta Slow Food di Oristano in un contesto di ricerca di autenticità, di voglia di riscoprire e di far conoscere le radici della cultura locale e da qui creare nuovi attività economiche e nuove occasioni di crescita per la comunità.

Un progetto per la valorizzazione integrata del territorio e di tutte le sue risorse e peculiarità: ambientali, archeologiche, culturali, artigianali, agricole, pastorali, della tradizione e dell’enogastronomia.

Appetitosamente è una manifestazione che si ispira ai principi del buono, del giusto e del pulito, dedicata al cibo di qualità e a tutto ciò che ruota intorno a esso. Un’occasione per raccontare e offrire ai visitatori le “bellezze” di Siddi ma anche promuovere e raccontare le produzioni enogastronomiche, le risorse culturali e ambientali, le persone, l’identità, i territori della Marmilla e dell’intera Sardegna.

Il mangiare come momento d’incontro. Quest’anno la tematica scelta è “Cibo e viaggio”, Carmen, come avete strutturato le tre giornate?

Le giornate del festival sono strutturate in un succedersi di numerosi, piccoli e grandi “eventi”. Abbiamo cercato di mantenere tutti gli appuntamenti proposti nelle passate edizioni e che si sono consolidati nel tempo. Sono previsti degli incontri – dibattito sul cibo e il viaggio; laboratori a tema dedicati ai più piccoli; è prevista la degustazione in spazi particolari con produzioni e prodotti d’eccellenza; i concerti al tramonto e all’alba con la colazione; spazi dedicati al relax; la presenza della fiera mercato ed altro.

Anche quest’anno siamo riusciti a imbastire un programma ricco nei contenuti e per questo dobbiamo ringraziare quanti hanno sposato il nostro progetto. Senza le aziende che sostengono Appetitosamente, talvolta anche da diversi anni, tutto questo non sarebbe possibile. Altrettanto importanti sono tutte le associazioni, gli esperti e i volontari che offrono la loro collaborazione e il loro tempo affinché tutto questo possa realizzarsi. Forse è proprio questa rete di collaborazioni e amicizie che ruotano intorno all’evento a rendere Appetitosamente così speciale.

 Il cibo è un’occasione per scoprire il territorio…

Credo sia uno dei modi più interessanti e stimolanti per farlo. Il cibo parla le lingue dei popoli e racconta i territori in ogni loro aspetto, ne esprime l’essenza più autentica. Proprio per questo gli appuntamenti si svolgono in luoghi e siti di interesse come la tomba di giganti Sa Domu ‘e s’Orcu, monumentale scenografia dei due concerti, che racconta l’incredibile patrimonio archeologico del nostro territorio; la chiesa romanica di San Michele che intriga con il suo particolare architrave e pare quasi partecipare ai dialoghi con l’ospite della domenica pomeriggio; il parco naturalistico e archeologico Sa Fogaia che ci ricorda la bellezza dei nostri paesaggi e il piacere del contatto con la natura; le case padronali che invitano e accolgono gli ospiti, tra assaggi di prodotti e di autentica ospitalità; il Museo Casa Steri  che si animerà anche per questa edizione con dialoghi sul tema dell’edizione in chiave antropologica. Il parco San Michele, la piazza e le vie saranno poi altri spazi in cui conoscere e condividere il territorio, i territori, grazie alla presenza dei produttori nella fiera mercato, ai diversi momenti di degustazione e attività che vi si svolgono.

Non sono ancora stati resi noti i nomi dei super Ospiti di Sabato 27 agosto. Potete darci qualche indizio?

Naturalmente è confermato il concerto serale del sabato a Sa Domu ‘e s’Orcu, con uno spettacolo speciale e inedito che si preannuncia ricco di suggestioni. Credo che i due ospiti sapranno creare un’atmosfera particolare che non mancherà di emozionare per la bellezza. Credo sarà un dialogo sublime. È imminente l’annuncio dei loro nomi in un comunicato ufficiale.

Con piacere ricordo agli amici di Appetitosamente che prendere parte al concerto, oltre ad offrire emozioni uniche, aiuta il festival in modo determinante poiché gli incassi di tutte le attività a pagamento contribuiscono a sostenere i costi dell’intera manifestazione.

 Colazione dall’Orco è uno dei momenti più attesi di tutta la rassegna…

Sono felice di questa domanda. E’ per me uno dei momenti più suggestivi della manifestazione. Attendere il risveglio del sole e accoglierlo lasciandosi avvolgere dalla musica, inebriati dalle fragranze delle essenze presenti sull’altopiano è … poesia.

Si crea un raccoglimento particolare.

Ritrovarsi all’alba è come vedersi per la prima volta, condividere poi la colazione a base di prodotti del territorio che, vista la location, è quasi un “rituale magico”.

A che tipo di pubblico è indirizzata la manifestazione?

La nostra manifestazione abbraccia un pubblico abbastanza variegato ma accomunato da un profondo interesse per la Sardegna dell’interno, per la sua cultura, i suoi siti d’interesse, le sue produzioni d’eccellenza. Qui gli ospiti hanno la possibilità di “assaggiare” un territorio e conoscerlo in modo più approfondito.

Grazie per la chiacchierata

Grazie a voi.

Al momento il programma di Appetitosamente non è ancora stato reso noto e non si conosce ancora il nome dell’ospite d’onore che si esibirà nella Tomba dei Giganti Sa Domu de s’Orcu Sabato 27 agosto, alle 19. La domenica mattina alle 6.30 sempre presso la Tomba dei Giganti Sa Domu de s’Orcu sarà servita la Colazione dall’Orco con sottofondo musicale del celebre fisarmonicista Antonello Salis. Siddi si trova nel cuore della Marmilla ed è caratterizzato da delicate colline e altipiani in basalto. La vegetazione è caratterizzata da grandi Lecci, mandorli, campi coltivati e gli immancabili uliveti ultracentenari.  Appetitosamente è momento di scambio, in cui il cibo è il comun denominatore tra luoghi e persone.

Eventa è social media partner dell’evento.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*