News

Da Kandinsky a Pollock. La grande arte dei Guggenheim

Da Kandinsky a Pollock. La grande arte dei Guggenheim in mostra al Palazzo Strozzi di Firenze dal 19 marzo al 24 luglio 2016 con oltre 100 opere d’Arte europea e americana risalenti a un periodo compreso tra gli anni ’20 e gli anni ’60.

Guggenheim

Dal 19 marzo al 24 luglio 2016 il Palazzo Strozzi a Firenze ospiterà una mostra imperdibile che porterà nel capoluogo toscano oltre 100 opere d’Arte europea e americana risalenti a un periodo compreso tra gli anni ’20 e gli anni ’60  che unisce le due sponde dell’Oceano sotto i nomi Solomon e Peggy Guggenheim.

Dalle caverne al collezionismo

L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è. Così diceva l’artista Paul Klee nel descrivere quest’attività tutta umana che ci portiamo dietro sin dagli albori della nostra civiltà. Le prime espressioni artistiche, le incisioni rupestri, risalgono alla preistoria e l’immaginazione e la creatività dell’uomo hanno permesso all’uminatà di progredire; mi viene in mente l’incipit di 2001 Odissea nello spazio, l’incredibile film di Stanley Kubrick in cui l’immaginazione porta alla tecnica più sofisticata. Quest’introduzione altro non è che una riflessione sull’importanza dell’Arte nella vita dell’Uomo e sull’assoluto bisogno di comprenderla e rendere le nostre vite stesse opere indimenticabili. Dai dipinti rupestri si è passati alle cornici dorate, dagli affreschi nelle caverne ai grandi musei. Nel mondo dei collezionisti del ‘900 tra i più celebri vi sono i Guggenheim che, in alcuni casi, furono dei veri talent scout, lungimiranti amanti dell’Arte.

La mostra

Era il 1949 quando Peggy Guggenheim, da poco giunta in Italia decise di mostrare la sua collezione proprio a Firenze per poi trovare la sua dimora definitiva a Venezia. La selezione di oltre 100 opere che articolerà la mostra è stata curata da Luca Massimo Barbero ed è stata resa possibile dalla collaborazione tra le fondazioni Solmon R. Guggenheim di New York e la Palazzo Strozzi di Firenze; l’esposizione metterà a confronto eccezionali opere dei Maestri europei tra i quali spiccano i pionieri Marcel Duchamp e  Man Ray, gli informali Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova e le grandi personalità americane come Jackson Pollock, Mark Rothko e Roy Lichtenstein. Il confronto diretto tra i maestri d’oltreoceano e gli europei permetterà ai visitatori di afferrare il senso globale dell’innovazione artistica del ‘900 attraverso questo botta e risposta tra due ambienti culturali differenti ma complementari, celebrandone l’innato connubio artistico.

Tutte le opere esposte, dai dipinti alle incisioni, dalle sculture alle fotografie, restituiranno ai visitatori uno spaccato della società del ‘900 in cui la famiglia Guggenheim fu indispensabile promotrice.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*